Costruisci la tua carriera

Trovare lavoro, le migliori strategie per neolaureati

15/11/2021

Trovare lavoro, scopri le migliori strategie per raggiungere i tuoi obiettivi

"Non trovo lavoro!": se hai già pronunciato questa frase almeno una volta, e ti sei appena laureato, potresti voler conoscere le migliori strategie per trovare lavoro dopo la laurea.

Qui puoi trovare un elenco di strategie molto utili da mettere in pratica per aiutarti a cercare lavoro come neolaureato. Continua a leggere questo articolo per scoprire i migliori consigli che accompagnano dalla laurea al tuo primo lavoro.

1. Utilizza gli strumenti di ricerca lavoro dell'Università

All'interno delle università infatti ci sono professionisti che offrono servizi di orientamento al lavoro dedicati a ex studenti, laureandi e neolaureati.

Sono i primi a cui dovresti rivolgerti, proprio perché sono abituati a introdurre i giovani nel mondo del lavoro. Inoltre conoscono meglio di tanti altri le caratteristiche specifiche della ricerca lavoro per i neolaureati.

Ecco un esempio dei servizi più comunemente offerti dalle università:

  • Orientamento e Counseling

Nelle Università esistono orientatori, recruiters e professionisti delle risorse umane che sono specializzati nell'avviamento al lavoro di giovani neolaureati. Il primo servizio che offrono è quelli di orientamento al mondo del lavoro.

Grazie alle loro competenze, quindi, ti aiutano a delineare con più chiarezza i tuoi obiettivi professionali, e possono rispondere ad ogni tua domanda sul mondo del lavoro.

Ad esempio, puoi informarti sulle su tipologie di contratto, sui diritti e doveri dei lavoratori, e anche su agevolazioni e legislazioni a favore di neolaureati.

  • CV, Lettera di Presentazione e Colloquio di Lavoro

Gli strumenti fondamentali per trovare lavoro sono Curriculum Vitaelettera di presentazione e colloquio di lavoro.

Quando non sai come muoverti, l'università offre servizi di stesura o verifica del CV e della lettera di presentazione, con servizi di simulazione dei colloqui di lavoro, per evitare che vengano commessi errori a causa della mancanza di esperienza.

Inoltre, scrivere un curriculum da neolaureato richiede caratteristiche specifiche. Gli orientatori e i recruiters delle università le conoscono bene, e ti aiuteranno a non sbagliare.

  • Workshop, Career Day e seminari

Se te lo stai chiedendo, i Career Day sono eventi che mettono in contatto direttamente la domanda e l'offerta di lavoro, ossia neolaureati e aziende. Le università organizzano anche seminari e workshop per fornire informazioni e orientare studenti universitari e giovani neolaureati in cerca di occupazione.

Quindi, partecipa a tutte queste manifestazioni, e porta sempre con te varie copie del tuo CV per lasciarlo direttamente alle aziende interessate. Altro consiglio utile: prendi l'iniziativa! Non partecipare passivamente a queste giornate d'incontro con le aziende, perché i candidati che spiccano di più sono quelli che si fanno ricordare. Prova a fare domande e a stringere le tue prime relazioni professionali per fare networking.

  • Banche dati, convenzioni, tirocini

Le università hanno anche dei canali preferenziali di ricerca lavoro che mettono a disposizione di studenti e aziende. Parliamo, ad esempio, di banche dati per i laureatibacheche di offerte di lavoro riservate e convenzioni con aziende e centri di ricerca.

Usa questi strumenti anche prima di laurearti, soprattutto se il tuo corso di studi richiede credit formativi da attribuire mediante tirocini.

2. Prova i motori di ricerca del lavoro

Dove trovare lavoro? Parti dai motori di ricerca lavoro: si tratta di "siti cerco lavoro" (tra cui anche Almalaurea) che offrono la possibilità di cercare tra migliaia di offerte di lavoro ogni giorno, da qualunque dispositivo.

Come iniziare, dunque, ad utilizzarli? Ecco qualche esempio:

  • Ricerca per Professione e Località

Le varie offerte sono organizzate per rendere la ricerca dell'utente più semplice e rapida possibile. I campi di ricerca sono solitamente due: uno per la professione cercata, e l'altro per la località. Ad esempio, se vuoi cercare lavoro in Italia, usa il filtro della località per città o regione preferita per migliorare i risultati di ricerca.

  • Invia candidature dirette

Molto spesso, a fronte di una registrazione gratuita, è possibile candidarsi direttamente dal motore di ricerca che stai utilizzando. Per farlo, basta caricare il proprio CV all'interno del profilo utente che andrai a creare: così, anziché inviare una semplice email all'indirizzo indicato, puoi anche candidarti sul sito stesso che ha pubblicato l'annuncio.

  • Aggiornamenti automatici

Puoi anche attivare aggiornamenti automatici sulle nuove offerte di lavoro, che arriveranno direttamente sulla tua email con una certa periodicità (giornaliera, settimanale, mensile).

Grazie a questi alert, sarai tra i primi a conoscere le nuove offerte di lavoro che rispondono ai criteri di ricerca che hai impostato. E questo ti dà un vantaggio fondamentale, perché si stima che le candidature inviate entro le prime 48 ore dalla comparsa di un annuncio hanno le maggiori probabilità di successo.

3. Crea il tuo network professionale

Il networking è essenziale per cercare il lavoro dei tuoi sogni. Esistono, infatti, opportunità di lavoro che non vengono rese pubbliche come “offerte di lavoro”, e non entrano a far parte dei circuiti tradizionali di ricerca.

Queste occasioni di lavoro nascono e circolano nella rete di contatti tra le persone, anche digitale, ovvero sui social network per professionisti come LinkedIn.

Molti neolaureati pensano di sviluppare il proprio network professionale solo dopo aver trovato lavoro. Tuttavia, questo è un errore, perché i contatti professionali ti servono proprio per trovare lavoro.

In che modo sfruttare, quindi, il networking?

  • Passaparola

Prima di pubblicare un'offerta di lavoro, un'azienda può diffondere la posizione aperta tra i propri dipendenti. In questo modo il passaparola coinvolge tutta la loro rete di contatti, e se tu ne fai parte, puoi venire a conoscenza di un'opportunità prima che venga diffusa ovunque.

  • Referenze

Per distinguerti dagli altri, puoi chiedere di scrivere una referenza a chi già ti conosce. I social network professionali ti aiutano mantenere i rapporti con le persone che occupano la posizione giusta per fornirti referenze d'impatto.

  • Collaborazioni

Esistono anche opportunità di lavoro che nascono solo quando le persone giuste si incontrano: collaborazioni occasionali, progetti a lungo termine, lavori da freelance e start-up.

Tutte queste realtà nascono da idee, competenze e prospettive condivise dalle diverse figure professionali, sempre più spesso sui social network.

Un buon network, sia online che offline, ti aiuta quindi a trovare e costruire opportunità di lavoro.

4. Cerca lavoro online e offline

Internet ha rivoluzionato il modo di cercare lavoro, tuttavia non bisogna dimenticarsi del mondo reale.

I risultati migliori si ottengono combinando attività online e offline. Come? Puoi presentarti di persona nelle agenzie per il lavoro, nei Centri per l'Impiego e nelle agenzie interinali.

Anche se molte delle offerte gestite dalle agenzie per il lavoro confluiscono nei motori di ricerca lavoro, è comunque utile visitarle di persona. Questo perché potrebbero essere a conoscenza di posti di lavoro che ancora non sono stati pubblicati online.

Inoltre, incontrare i professionisti delle risorse umane serve per farti conoscere, e per avere un diverso punto di vista sul mercato del lavoro locale.

5. Stabilisci il tuo obiettivo e comportati di conseguenza

Avere un'idea chiara di chi vuoi diventare dopo esserti laureato, e stabilire un obiettivo professionale definito e specifico è una regola fondamentale nella ricerca del lavoro.

Definisci, quindi, con precisione dove vuoi arrivare e qual è la posizione che vuoi ricoprire.

Prendi in considerazione la tua laurea: in alcuni casi gli studi non preparano per una professione specifica, lasciando a ciascuno il difficile compito di individuare un ambito in cui trasformare il sapere nel "saper fare".

Partire da se stessi e dalle proprie specificità è dunque indispensabile per lasciarti individuare da chi sta cercando esattamente le tue competenze. E se sei neolaureato, competenze non strettamente legate al tuo ambito di studi - es. linguaggi di programmazione, dimestichezza con Microsoft Office e simili - possono esserti utili per ampliare il tuo profilo da presentare, anche se non hai molta esperienza in azienda.

6. Conosci il settore professionale di riferimento

Devi cercare di studiare atentamente il settore in cui vuoi trovare lavoro, i suoi linguaggi tecnici, le competenze che ci si aspetta dai professionisti presenti in quel settore.

Quali sono le aziende principali del settore? Quali le prospettive future del settore? Quali le figure professionali tipiche di questo settore?

Prenditi il tempo necessario per approfondire i settori che già conosci, ma anche per esplorare quelli che conosci meno, perché potranno sorprenderti e interessarti.

Leggi i siti web delle principali aziende, segui le loro pagine social e tieniti aggiornato sulle notizie più recenti.

Ricorda di considerare anche anche la geografia delle offerte di lavoro, perché potrebbero esserci regioni o città che hanno una grande offerta di lavoro legata al tuo settore di riferimento, oppure che non ne hanno.

7. Crea un curriculum eccezionale

Se sei neolaureato, creare un CV senza esperienza in molti punti è simile allo scrivere un buon curriculum professionale.

Esistono però alcuni elementi specifici del CV: gli studi e le esperienze lavorative.

Quindi, se sei un neolaureato, metti in primo piano la tua carriera accademica.

Se invece hai già qualche esperienza di lavoro o collaborazione, crea un CV "tradizionale" in cui inserirai prima le esperienze professionali e poi gli studi compiuti.

Ripensa a tutto quello che hai fatto nel corso degli anni: progetti di ricerca, tesine, gruppi di lavoro, tirocini, project work, volontariato, attività sportive. Sfrutta quindi queste esperienze per parlare dei contesti in cui ti sei messo alla prova, e cerca di riferire tutto al mondo lavorativo.

Qualche esempio? Fare l'animatore insegna a organizzare e coordinare gruppi di persone, partecipare a project work significa saper lavorare in gruppo, e praticare uno sport per anni indica costanza e tenacia.

8. Personalizza CV e lettera di presentazione

La regola numero uno, anche se difficile da rispettare, è personalizzare ogni candidatura.

Dovresti far percepire che non stai cercando un lavoro qualsiasi, ma che vuoi proprio quel lavoro in quella azienda.

Per questo, devi adattare il tuo CV in base all'occasione. E non puoi dimenticare della lettera di presentazione, che deve sempre accompagnare il tuo CV. Come personalizzarla?

  • Leggi con attenzione l'offerta

  • Individua le parole-chiave dell'annuncio e le competenze

  • Scrivi il tuo curriculum evidenziando queste caratteristiche e parole chiave

Da notare che alcune grandi compagnie usano software automatici che scansionano i CV alla ricerca delle parole-chiave contenute nell'annuncio. Se usi le stesse parole-chiave, il tuo curriculum avrà più possibilità di passare la selezione automatica e finire nelle mani di un recruiter in carne e ossa.

Inoltre:

  • Informati sull'azienda e sulla posizione offerta

  • Nella lettera fai dei riferimenti specifici all'annuncio di lavoro

  • Descrivi il tuo interesse per l'azienda e per quella mansione

  • Parla del valore aggiunto che puoi portare nell'ambiente di lavoro.

9. Cura la tua Reputazione Digitale

La reputazione online dev'essere sempre in linea con l'obiettivo che ti sei prefissato. Spesso, infatti, i selezionatori controllano chi sei su internet prima ancora di prendere in mano il telefono per proporti il colloquio di lavoro.

Fai egosurfing e cerca il tuo nome sul web: controlla i risultati, e individua quello che è meglio non sapere su di te...

Puoi pulire i tuoi account social e renderli privati, o cancellare dei post.

Inoltre, crea una presenza professionale online, pubblicando il tuo sito internet (con Wordpress o altri strumenti è facilissimo) e il tuo portfolio.

A questo punto, ti manca solo una cosa.

10. Imposta un processo continuo di Ricerca Lavoro

Se dopo una settimana d'invio curriculum e di ricerche infruttuose regna lo sconforto, sappi che per avere successo ti serve un metodo.

Organizza la tua ricerca in modo che sia un processo continuo e un impegno sostenibile sulla lunga durata. Imposta la ricerca del lavoro in modo che sia sostenibile per te.

Non esiste un metodo valido per tutti, fai diversi tentativi finché non trovi degli obiettivi che siano compatibili con la tua situazione specifica.

Un ultimo consiglio: anche se non sei più un neolaureato, non è mai troppo tardi per mettere in pratica queste strategie.

Come contattarci

I nostri canali non hanno filtri. Saremo direttamente noi dell'Istituto Sadra a gestire i contatti.

live:.cid.9391c8f371bcea64

393248069589

info@istitutosadra.it

081/18463283

sitename
Via G. Porzio 85
Centro Direzionale Isola G5 3° PIANO 80143 Napoli
Tel. 081/18463283 info@istitutosadra.it
sadrasrls@pec.it
P.IVA 08344561215
iso-9001
ENTE DI FORMAZIONE
PROFESSIONALE ACCREDITATO
REGIONE CAMPANIA
regione-campania
ecm
agenas
conapi
opn
cnl
ecampus